Come dividere le parole in sillabe

 

  • Ogni sillaba deve avere almeno una vocale:

a-mi-che-vol-men-te

  •  Una vocale o un dittongo, posti all'inizio di una parola e seguiti da una consonante, costituiscono una sillaba:

o-ra-rio, au-gu-rio

  •  Le vocali dei dittonghi e dei trittonghi non si dividono mai:

mie-le, a-iuo-la

  •  Una consonante semplice forma una sillaba con la vocale e il dittongo che la seguono:

co-ro-na, piu-ma, 

  •  Le consonanti doppie e quelle del gruppo cq si dividono tra due sillabe: 

ap-pal-lot-to-la-re, 

ac-qua

  •  I 'digrammi' e i 'trigrammi', gruppi di lettere che formano un solo suono, non si dividono mai.
    Essi sono: 

gl + i:  e-gli

gn + vocalegno-mo

sc + le vocali e, i :   sce-na, sci-vo-lo

ch + le vocali e, ichi-mi-co, o-che

gh + le vocali e, i: ru-ghe, a-ghi

ci e gi + le vocali a, o, u: ca-mi-cia, mi-cio, gio-va-ne, giu-sto

gli + vocale: a-glio, mo-glie

sci + vocale: li-scio, a-sciu-ga-re

  •  I gruppi formati da  due o tre differenti consonanti + una vocale costituiscono una sillaba, se con questo insieme di lettere può iniziare una parola della lingua italiana:

re-cla-mo, a-pri-re, a-stra-le re-cri-mi-na-re, pro-ble-ma

  •  Gli insiemi di due o tre consonanti che non potremmo mai trovare all'inizio di una parola italiana: rt, cn, lt, mbr, nfr, e così via, devono essere divisi tra due sillabe, come negli esempi seguenti: 

cor-to, tec-ni-co, al-to, om-bra, in-fran-ge-re

  •  La s seguita da una o più consonanti forma generalmente una sillaba con la vocale seguente, non con quella che la precede:

a-stro, ri-spon-de-re, di-sprez-zo

  •  Nelle parole composte, nelle quali il primo elemento termina per i  e il secondo elemento comincia per vocale, l'insieme delle vocali risultante da tale unione non deve essere considerato un dittongo e va diviso tra due sillabe:

chi-un-que, ri-e-du-ca-re

  •  I prefissi come dis-, tras-, trans-, in-, ben-, mal- possono essere separati dalla radice e formare una sillaba a sé oppure divisi, secondo le regole generali della divisione in sillabe:

dis-a-bi-ta-to  / di-sa-bi-ta-to, 

tras-por-ta-re  / tra-spor-ta-re,

mal-in-ten-zio-na-to  / ma-lin-ten-zio-na-to

Oggi, però, si tende a seguire le regole generali e prevale la seconda delle possibilità.