In fin di riga. Apostrofo:  sė o no?

 

Fino a qualche tempo fa, la regola impediva di lasciare l'apostrofo alla fine di una riga. 

Se avessimo dovuto scrivere, ad esempio, la frase: "Per caso ho incontrato quell'uomo " e fosse stato necessario andare a capo dopo la parola quell', secondo la regola sarebbe stato corretto aggiungere alla parola la vocale mancante "o":

quello

uomo

oppure andare a capo dopo la prima sillaba:

 quel-

l'uomo

Quest'ultima soluzione č tuttora considerata corretta.
La prima soluzione, al contrario, č oggi da evitare. Anzi, da molti č considerato un vero e proprio errore aggiungere la vocale mancante in parole che nel testo originale, per effetto dell'elisione, sono scritte con l'apostrofo.
Nella stampa di libri e di giornali č sempre pių frequente incontrare esempi di parole con l'apostrofo in fin di riga. Le grammatiche pių moderne registrano questa tendenza e ne ammettono la legittimitā:

quell' 

uomo

Il tabų č quindi superato!